“É sempre mezzogiorno” ricetta di oggi 21 febbraio: gran fritto di cozze e gamberi di Michele Farru

All’ombra della tradizione culinaria sarda, Michele Farru ci regala un ricordo gustoso dei mesi estivi con il suo gran fritto di cozze e gamberi. Questo piatto è sinonimo di convivialità e frescura ed è perfetto per deliziare i palati di turisti e appassionati della cucina italiana. Scopriamo insieme come ricreare questo delizioso fritto.

“É sempre mezzogiorno”: gran fritto di cozze e gamberi di Michele Farru – Dettagli ricetta

Tempo di preparazione 40 minuti
Numero di Persone 4 persone
Tempo di cottura 20 minuti
Tempo totale 1 ora

“É sempre mezzogiorno”: gran fritto di cozze e gamberi di Michele Farru – Ingredienti

  • 12 gamberi
  • 1 kg cozze
  • Olio per friggere
  • 300 g farina di riso
  • 150 g farina 00
  • 400 g acqua gassata
  • 3 tuorli
  • 10 g curcuma
  • 10 g erba cipollina
  • 10 g paprika dolce
  • Ghiaccio
  • 200 g pomodori datterini
  • 100 g patate bollite
  • 1 cipolla rossa
  • 1 pompelmo rosa
  • 1 arancia
  • 1 limone
  • Basilico
  • Olio
  • Sale e pepe
  • 100 g bevanda di riso
  • 60 g olio di girasole
  • 30 g aceto bianco
  • Finocchietto selvatico

“É sempre mezzogiorno”: gran fritto di cozze e gamberi di Michele Farru – Procedimento

Iniziamo preparando la pastella. In una ciotola, uniamo i tuorli con del ghiaccio, poi incorporiamo l’acqua gassata e mescoliamo nuovamente. Setacciamo le due farine, di riso e 00, e le aggiungiamo al composto, continuando a mescolare fino a ottenere una pastella liscia e senza grumi. Riponiamo la pastella in frigorifero e lasciamola riposare per almeno mezz’ora.

Successivamente, dividiamo la base per la frittura in tre parti uguali e le trasferiamo in ciotole separate. In ciascuna, mescoliamo uno degli aromi: curcuma, erba cipollina minuziosamente tritata e paprika dolce. Puliamo i gamberi e sguschiamo le cozze, poi immergiamo ogni elemento in una delle pastelle aromatizzate, avendo cura di rimuovere l’eccesso. Friggiamo in abbondante olio bollente finché non diventano croccanti e dorati.

Passiamo alla preparazione delle salse. Per la prima, uniamo nel bicchiere del frullatore i pomodori datterini tagliati a metà, la cipolla rossa, le foglie di basilico, la patata bollita e tagliata a pezzi, insieme a un pizzico di sale e pepe; quindi versiamo l’olio e i succhi degli agrumi (arancia, limone e pompelmo) e frulliamo fino ad ottenere una salsa omogenea.

Per la seconda salsa, mettiamo nel frullatore la bevanda di riso, l’aceto bianco, il finocchietto selvatico, sale e olio di girasole. Frulliamo fino a ottenere una consistenza cremosa, adatta per accompagnare il nostro fritto.

“É sempre mezzogiorno”: gran fritto di cozze e gamberi di Michele Farru – Consigli e Varianti per la ricetta

Se desiderate sperimentare variazioni su questa ricetta, potete optare per l’aggiunta di altre spezie nella pastella, come ad esempio lo zafferano per un tocco mediterraneo, o il peperoncino per chi ama i sapori piccanti. Al posto degli agrumi nella salsa, potete utilizzare l’avocado per un gusto più delicato e cremoso. Inoltre, per una versione più leggera, potete cuocere i gamberi e le cozze al vapore invece di friggerli, servendoli con le salse a base di verdura o yogurt greco. Ricordate di scegliere sempre ingredienti freschi e di qualità per esaltarne il sapore genuino.

Torna in alto