“É sempre mezzogiorno” ricetta di oggi 7 Febbraio 2024: riso arrostito ripieno di gemelli Billi

Il comfort food è quell’insieme di piatti che non solo nutrono il corpo ma anche l’anima, creando un connubio di sapori che riscaldano il cuore. La ricetta del riso arrostito ripieno firmata dai gemelli Billi di “É sempre mezzogiorno”, si pone proprio come un piatto avvolgente e sostanzioso, ideale per momenti di convivialità o relax casalingo. Vediamo insieme come portare in tavola questo capolavoro gastronomico sprigionante sapore e tradizione.

“É sempre mezzogiorno”: riso arrostito ripieno di gemelli Billi – Dettagli ricetta

Tempo di preparazione 40 minuti
Numero di Persone 4-6
Tempo di cottura 30 minuti
Tempo totale 1 ora e 10 minuti

“É sempre mezzogiorno”: riso arrostito ripieno di gemelli Billi – Ingredienti

  • 800 g riso
  • 4 uova
  • 300 g formaggio grattugiato
  • Aglio in polvere, a piacere
  • Brodo di pollo q.b.
  • Sale e pepe q.b.
  • 2 kg spinaci freschi
  • 12 fette di fontina
  • 25 g burro
  • 50 g farina 00
  • 250 ml latte
  • 3 scalogni
  • Noce moscata q.b.
  • 25 ml olio extravergine d’oliva
  • 200 g speck
  • 200 g fontina (extra)
  • Maggiorana q.b.

“É sempre mezzogiorno”: riso arrostito ripieno di gemelli Billi – Procedimento

Partiamo dal cuore della nostra ricetta, facendo bollire il riso in acqua salata o brodo – quello di pollo è un’ottima scelta per intensificare il gusto. Dopo la cottura, scoliamolo bene e aspettiamo che si raffreddi, ricordandoci di sgranarlo per favorire una rapida perdita di calore. Una volta tiepido, trasferiamolo in una ciotola capiente, aggiungiamoci le uova integre, il formaggio grattugiato a piacere, una spolverata di aglio in polvere e, se necessario, una regolata di sale e pepe per ben amalgamare i sapori.

Passiamo adesso ad un elemento cruciale del nostro ripieno: gli spinaci. Iniziamo preparando un soffritto delicato con burro e olio extravergine in un largo tegame, dove faremo appassire gli scalogni tritati sottilmente. Dopo pochi minuti, uniamo gli spinaci, precedentemente lessati e ben strizzati, ai quali faremo assorbire tutti gli aromi del soffritto. Per rendere il ripieno cremoso e saporito, incorporiamo la farina setacciata, la noce moscata grattugiata al momento e, gradualmente, il latte freddo, continuando a mescolare fino al raggiungimento di una consistenza densa e omogenea.

Il momento più creativo della ricetta è la composizione finale. Nella nostra padella più affidabile, che avremo oliato generosamente, stendiamo metà del riso, pressandolo per formare una base solida. Su di essa, distibuiamo la fontina a fette, seguita da uno strato di spinaci avvolti nella loro besciamella profumata. Arricchiamo con un ulteriore strato di fontina e copriamo con la restante metà del riso, livellandola e pressando bene.

Ora procediamo alla cottura. Lasciamo che il riso si dori da un lato, poi con molta accortezza lo rigiriamo per far dorare anche l’altro lato. Quando entrambe le superfici saranno croccanti e dorate, sarà il momento di servire, accompagnando il nostro riso arrostito con sottili fette di speck, a piacere.

Per rivedere tutte le fasi di questa ricetta, visitate RaiPlay.

“É sempre mezzogiorno”: riso arrostito ripieno di gemelli Billi – Consigli e Varianti per la ricetta

Desiderate rendere questa ricetta ancora più vicina ai vostri gusti? Ecco alcune varianti: anziché utilizzare esclusivamente formaggio grattugiato, provate a combinare diversi tipi di formaggi per una ricchezza di sapore superiore. Se amate le note più rustiche, potete aggiungere alla besciamella della pancetta affumicata o salsiccia sbriciolata e pre-cotta, per un tocco di gusto in più. Per una versione vegetariana, sostituite lo speck con delle verdure grigliate o del tempeh affumicato. Infine, i più audaci possono arricchire il ripieno con dei funghi trifolati o delle olive taggiasche sminuzzate, per un contrasto di sapori che non mancherà di sorprendere i vostri commensali. Buona sperimentazione e buon appetito con questa versione ottimizzata per conquistare i motori di ricerca e i palati più esigenti!

Torna in alto