“É sempre mezzogiorno” ricetta di oggi 12 marzo: kedgeree di Daniele Persegani

Il mondo culinario abbraccia tradizioni lontane e le porta ai nostri fornelli, regalandoci piatti ricchi di storia e sapori. Uno di questi piatti è il kedgeree, che trova le sue radici nell’India coloniale e che è stato reso popolare in Inghilterra durante il periodo vittoriano. Questa versione del kedgeree, proposta da Daniele Persegani nella trasmissione “É sempre mezzogiorno”, è un delizioso connubio di riso basmati, baccalà e spezie aromatiche, perfetto per un pranzo sfizioso e nutriente.

“É sempre mezzogiorno”: kedgeree di Daniele Persegani – Dettagli ricetta

Tempo di preparazione 15 minuti
Tempo di cottura 20 minuti
Tempo totale 35 minuti
Numero di persone 4

“É sempre mezzogiorno”: kedgeree di Daniele Persegani – Ingredienti

  • 250 g di riso basmati
  • 450 g di filetto di baccalà
  • 1 l di latte
  • 2 foglie di alloro
  • 200 g di piselli
  • 1 cipolla
  • 50 g di burro
  • 1 cucchiaio di curry
  • 1 cucchiaino di curcuma
  • 3 uova sode
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 1 cucchiaio di coriandolo tritato
  • Olio extravergine di oliva
  • Sale e pepe q.b.

“É sempre mezzogiorno”: kedgeree di Daniele Persegani – Procedimento

Il cammino per realizzare un perfetto kedgeree inizia tostando il pepe in grani in una padella ben riscaldata. In seguito, si prende una pentola in cui verrà fatto scaldare il latte insieme al pepe tostato e alle foglie di alloro; in questa miscela profumata si immergono i tranci di baccalà. È importante lasciar cuocere il tutto, coperto, per un tempo di circa 10 minuti.

Nel frattempo, si riscalda del burro in una padella e vi si fa soffriggere la cipolla tagliata a fette fini, aggiungendo poi la curcuma, il curry e una spolverata di pepe macinato. Dopo aver lasciato insaporire per qualche istante, si uniscono al soffritto i piselli precedentemente sbollentati. Si prosegue la cottura amalgamando bene gli ingredienti.

Il passo successivo vede l’unione del riso basmati, già cotto, che verrà fatto tostare insieme agli altri componenti in padella, dando vita ad un connubio di sapori e aromi. Poco prima di terminare la cottura, si profuma il tutto con il prezzemolo e il coriandolo finemente tritati.

Per servire, si adagia il riso basmati su un piatto e si sovrappone il baccalà sbriciolato grossolanamente, completando con le uova sode tagliate a pezzi. Un piatto che non solo delizia il palato, ma che porta con sé un’intera storia di sapori e culture.

“É sempre mezzogiorno”: kedgeree di Daniele Persegani – Consigli e Varianti per la ricetta

Seppur la ricetta del kedgeree sia già perfetta nella sua autenticità, esistono diverse varianti per adattarla a differenti gusti o esigenze. Ad esempio, per una versione più leggera si può sostituire il burro con dell’olio extravergine di oliva. Amanti del piccante possono aumentare la quantità di curry o aggiungere del peperoncino. Se siete vegetariani, potete omettere il baccalà e arricchire il riso con una maggiore varietà di verdure o addirittura del tofu affumicato per un tocco di gusto in più. Per chi ama i sapori decisi, suggeriamo di aggiungere alla ricetta del succo di limone fresco o della scorza grattugiata per dare un tocco di vivacità in più al piatto.

Torna in alto