Terra amara, anticipazioni: l’incidente tragico di Zuleyha e la perdita devastante!

Zuleyha soffre ancora in Terra amara

La soap opera turca Terra amara vedrà Zuleyha soffrire ancora nelle prossime puntate in onda su Canale 5.Le anticipazioni raccontano che dopo la morte di Yilmaz ci sarà un salto temporale di circa tre mesi. Zuleyha sarà felice al fianco di Demir, che le mostrerà di essere davvero cambiato. Il suo nuovo volto la farà innamorare perdutamente, tanto da volere un altro figlio da lui. Un sogno che si avvererà, ma che verrà spezzato dal destino crudele.

Zuleyha scopre di essere incinta di Demir

Nel dettaglio, le anticipazioni di Terra Amara svelano che Zuleyha scoprirà di aspettare un figlio dopo che si sarà resa conto di amare Demir. Nonostante soffra per la perdita di Yilmaz, riuscirà a rifarsi una vita più che soddisfacente, sia sul piano professionale che sentimentale. Un giorno, Zuleyha prenderà l’auto e si metterà alla guida, ma un incidente le farà perdere il controllo della vettura. La poverina arriverà in ospedale in condizioni disperate e a operarla sarà Umit, l’amante di Demir. L’intervento salverà la vita di Zuleyha, ma non quella del bambino che porta in grembo.

Zuleyha perde il suo terzo figlio

Nei nuovi episodi di Terra amara Zuleyha si risveglierà dopo una lunga operazione e la dottoressa Umit le comunicherà una triste notizia: ha perso il bambino che aspettava. Al suo fianco ci sarà Demir, che condividerà con lei il grande dolore. Zuleyha si incolperà di quanto successo, ma Demir le prometterà che presto avranno un figlio e che riusciranno a superare questo triste momento.

Zuleyha è distante con Adnan e Leyla

Dopo qualche tempo, Zuleyha tornerà alla villa ma Demir noterà degli strani comportamenti. Zuleyha sembrerà essere distante emotivamente da Leyla e Adnan, dopo aver scoperto che ha perso il suo terzo figlio. Demir cercherà di confortarla, ma lo sapremo con le nuove anticipazioni della seguitissima soap opera turca in onda su Canale 5 e in streaming su Mediaset Infinity.

Torna in alto