C’è Posta per Te: Maria de Filippi sfida l’omofobia, il momento televisivo che sta facendo il giro del web

Rosa ha deciso di tagliare i ponti con sua figlia, Luana, quando è venuta a conoscenza del suo amore per un’altra donna, Damilka. Il tentativo di Maria De Filippi di smantellare i pregiudizi omofobici di Rosa si scontra con la sua chiusura che si manifesta nel diniego di incontrare lo sguardo di Damilka.

Un appello per l’accettazione

La storia di Luana e Damilka approda in televisione attraverso “C’è posta per te”. Luana ha cercato ripetutamente di ricollegare i fili con la madre, non riuscendoci. Il padre di Luana, a differenza della madre, è rimasto al suo fianco e ammette di essere stato in errore nel non comunicare in precedenza l’orientamento sessuale della figlia. Dopo una relazione eterosessuale sciolta da Luana, il suo ex fidanzato rivela con parole cariche di pregiudizi la relazione di Luana con Damilka. Luana, tentando di non perdere l’affetto materno, aveva inizialmente lasciato Damilka ma poi, mosso dal vero amore, decide di stare di nuovo con lei, aggravando il distacco con sua madre.

Il dolore di una madre e la lotta per l’accettazione

Luana si apre in uno struggente appello verso sua madre Rosa, dichiarandole amore incondizionato e spiegandole il suo diritto ad amare chi sceglie. In un emozionante monologo, racconta i suoi sentimenti e la sua voglia di essere accettata come è. Il padre e i fratelli, che non ricevono la stessa attenzione mediatica, vengono ringraziati per il loro supporto. Damilka parla quindi del suo amore per Luana e della sofferenza che la situazione familiare porta a entrambe.

Il muro dell’intolleranza si manifesta nel rifiuto

Rosa descrive affettuosamente Luana come un fiore, ma il suo affetto si interrompe di fronte a Damilka. Nonostante l’incoraggiamento di Maria De Filippi che prova a scuotere la sua resistenza, Rosa rimane immobile nelle sue convinzioni omofobe. Il marito di Rosa è più aperto e continua a vedere Luana e la sua compagna, ma Rosa resta irremovibile.

Un finale commovente e una speranza per il futuro

Alla fine, si giunge a un gesto di comprensione quando Damilka, mostrando grande sensibilità, si sposta, permettendo a Luana di riabbracciare i suoi genitori che decidono di aprire la busta. L’articolo si chiude con un post ripreso dal profilo Instagram di “C’è Posta per Te”.


Il giudizio di www.sofiaoggi.com è che episodi come quello di Luana e Damilka sono specchio di una società ancora troppo spesso chiusa e non pronta ad accettare la diversità amorosa. Il comportamento di Rosa, seppur guidato dall’amore distorto per sua figlia, rappresenta un esempio del pregiudizio che ancora oggi bisogna combattere. La sensibilità e l’apertura mostrate dal padre e da Maria De Filippi lasciano però trasparire una luce di speranza che il dialogo e il rispetto possano, un giorno, triumphare sull’intolleranza.

Torna in alto