Anticipazioni Terra amara 21 settembre: Nonostante tutto lo salva e diventa un vero e proprio eroe

Il capitolo successivo di Terra Amara in programmazione per giovedì 21 settembre, promette di mantenere i suoi spettatori con il fiato sospeso. Il futuro di Yilmaz sarà appeso a un filo, ma lui riuscirà a recuperare i sensi e a comunicare con l’adorevole Zuleyha. Allo stesso tempo, la Dottoressa Hekimoglu verrà informata del terribile incidente e si dirigerà all’ospedale con Fikret per dare supporto a Yilmaz.

Inaspettato Atto di Gentilezza da Parte di Demir

Successivamente, le cuore combattenti di Mujgan e Zuleyha decideranno di mettere da parte i loro contrasti per il bene di Akkaya. L’eroica azione di Demir nel salvare il suo rivale dalle fiamme dell’auto sarà resa nota a Cukurova, accrescendo l’ammirazione nei confronti della famiglia Yaman.

La Battaglia di Yilmaz per la Vita

Yilmaz continuerà la sua lotta strenua per la vita, con la fiaccola della speranza che brucia ancora. La calorosa presenza delle persone a lui vicine che restano fedelmente al suo fianco, accresce sia lo stress che l’affetto. Nel frattempo, Mujgan ritornerà a casa con Fikret e Kerem Ali, dove Behice, la sua zia, la informerà della grave situazione del marito.

La Reunione di Yilmaz, Zuleyha e Mujgan

Yilmaz si riprenderà dal coma e Mujgan e Zuleyha uniranno le forze per il suo bene. Nel mentre, la diffusione dell’audace impresa di Demir farà risuonare echi di rispetto per lui in tutta Cukurova. Questo atto di coraggio farà sì che il pubblico veda la famiglia Yaman come un esempio da seguire, consolidando l’ammirazione per Demir.

Riassunto dell’Episodio Precedente di Terra Amara

Nell’episodio di Terra Amara del mercoledì 20 settembre, l’anziana Azize confonde Sevda per Hasene, la sorella di Hunkar scomparsa da molto tempo. Questo provoca un certo imbarazzo in Saniye. Nel frattempo, Fekeli è alla costante ricerca dell’assassino di Hunkar quando, durante un dialogo con l’investigatore Celal, riceve la sconcertante notizia dell’incidente di Yilmaz.

Torna in alto