Perché l’aceto di mele è un alimento così salutare? Le risposte

L’aceto di mele è un alimento molto diffuso in diverse culture ed è ampiamente utilizzato sia per usi alimentari che non. Si tratta di una variante del più comune aceto, ma con un sapore più dolce e un odore meno intenso, che permette di essere consumata senza essere diluita.

Sono molti i suoi poteri benefici, che vanno dall’aiuto dimagrante all’idratazione dell’organismo, passando per la cura della pelle e l’equilibrio della flora intestinale. Si consiglia un dosaggio di 1 o 2 cucchiai al giorno, meglio se a stomaco vuoto, e di attenersi alle controindicazioni per chi soffre di irritazioni all’apparato digerente o problemi dentali.

Scopriamo insieme i benefici dell’aceto di mele.

Il potere benefico dell’aceto di mele

L’aceto di mele è un alimento molto diffuso in diverse culture ed è ampiamente utilizzato sia per usi alimentari che non. Grazie al web sono stati riscoperti i suoi utilizzi alternativi, come rimedi “della nonna”. Di tutte le varianti, l’aceto di mele è quella più adatta a essere consumata senza diluirla, perché ha un odore e un sapore meno “pungenti”.

Gli effetti di un consumo regolare di aceto di mele

La produzione dell’aceto di mele è simile a quella di qualsiasi altra variante: si fanno fermentare parti di sidro o mosto di mela. Considerata la sua natura sana, si può usare per le pulizie domestiche, in modo più naturale e meno aggressivo rispetto ai prodotti chimici. Bevendolo però, cosa succede? Ci sono effetti benefici?

Molte voci sono discordanti, ma l’aceto di mele può avere effetti positivi sulla salute se assunto con regolarità. È ricco di sali minerali, fibre ed è un ottimo integratore dimagrante perché ha un alto potere saziante. Inoltre, può aiutare ad idratare l’organismo, a migliorare la pelle e favorire l’equilibrio della flora intestinale.

Dosaggio e controindicazioni

Nonostante alcune proprietà siano state confermate da diverse ricerche, l’aceto di mele non può sostituire un pasto o una bevanda. Il dosaggio consigliato è di 1 o 2 cucchiai, meglio se qualche ora prima di pranzare o a stomaco vuoto.
E’ importante stare attenti al consumo, soprattutto se si soffre di irritazioni all’apparato digerente o si è soggetti a problemi dentali. In questi casi, sarebbe meglio diluirlo con acqua.

Torna in alto